Luigi Di Maio: il nuovo ministro del Lavoro

Il nostro bel Paese può cercare di rialzarsi ora che c’è una nuova formazione politica che lo sta guidando e che dovrebbe riportare l’Italia ad alti livelli economici, allontanando la crisi che ci affligge da anni e che ha mandato in rovina famiglie e imprenditori. Lo potrà fare il nuovo ministro del Lavoro? Chi sarebbe? Secondo il sito Tpi si tratta di Luigi Di Maio.

Ecco Luigi Di Maio.

Foto da Tpi.

Abbiamo già visto chi è anche il nuovo presidente del Consiglio, ovvero Giuseppe Conte che ha dichiarato che sarà l’avvocato difensore del popolo italiano! Il presidente della Repubblica lo ha nominato e ha accettato l’incarico al Quirinale, dopo un primo tentativo fallito.

Inoltre, abbiamo anche parlato del nuovo ministro dell’Interno che è Matteo Salvini e che è milanese e milanista. Sarebbe il leader della Lega ed è il politico italiano più popolare sui social network. Fa il giornalista di professione presso alcune testate ed è stato europarlamentare.

Ora vorremmo parlare un po’ del nuovo ministro del Lavoro italiano: Luigi Di Maio. Innanzitutto, è il capo politico indiscusso del Movimento 5 Stelle ed anche il vicepresidente del Consiglio. Quando è avvenuta la nomina? Ebbene, la sera del 31 maggio 2018 al termine delle lunghe notti di trattative che hanno portato alla nascita del nuovo governo guidato da Giuseppe Conte.

Di Maio ha 32 anni ed è il secondo ministro più giovane di sempre dopo Giorgia Meloni: quando le fu assegnato il dicastero delle Politiche giovanili nel non tanto lontano 2008 e aveva 31 anni.

Il leader pentastellato è stato il più giovane parlamentare italiano nella precedente legislatura che ha ricoperto il ruolo e la carica di vicepresidente della Camera.

Ecco che abbiamo visto chi è il nuovo ministro del Lavoro e tutti quanti sperano vivamente che possa fare qualcosa per i lavoratori italiani che sono sempre più in crisi e che non riescono ad arrivare nemmeno a fine mese. Secondo voi ce la farà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *