Elezioni politiche nazionali 2018: quando si vota?

Se anche voi avete la fissazione del voto in Italia, ecco che questo articolo può esservi utile. Vediamo anche grazie ad un post apparso su Forexinfo quando si voterà nel nostro Paese. Allora, quando saranno le prossime elezioni politiche nazionali?

La risposta sembra essere molto semplice. Le elezioni sono molto importanti e servono anche per eleggere il nostro Parlamento. Queste ultime avvengono in genere ogni 5 anni, salvo che il Governo duri così tanto da finire il ciclo legislativo.

Quindi, quando si voterà in Italia il Governo? Ebbene, la fine della legislatura attuale sarebbe fissata a febbraio 2018 perché l’ultimo Parlamento è stato eletto nel 2013. Con le elezioni dovrebbe rinnovarsi un po’ tutto, ma fino a che non vengono riunite le nuove Camere, vengono prorogati i poteri delle precedenti.

elezioni politiche 2018

Foto: Homomonitor.

Finora in Italia abbiamo avuto 17 legislature che sono durate in media 4 anni perché nella maggior parte dei casi si è ricorso alle elezioni anticipate.

Anche le prossime elezioni potranno essere anticipate? Il Movimento 5 Stelle vorrebbe proprio questo, anche se non sembra essere il caso per non bloccare tutto. Anche perché il Partito Democratico e Matteo Renzi hanno più volte ribadito che il Governo arriverà tranquillamente fino al 2018.

Il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, ha dichiarato:

Gli italiani devono essere chiamati al voto al più presto e la cosa più veloce, realistica e concreta per andare subito al voto è andarci con la legge che c’è già: l’Italicum. Abbiamo sempre criticato questa legge, ma questi partiti farebbero di peggio e ci metterebbero anni legittimando l’insediamento di un governo tecnico alla Monti.”

Di tutt’altra opinione sembra essere Massimo D’Alema:

“Non è responsabile far precipitare il Paese verso nuove elezioni senza fare una revisione delle leggi elettorali. La legge elettorale della Camera va cambiata, ma su questo si dovrà esprimere la Corte Costituzionale, che ha rinviato il giudizio a dopo il referendum”.

Siamo agli inizi del 2017 e ormai sembra delinearsi la via del voto nel 2018… E voi, cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *